fbpx

Per molti amanti delle passeggiate a cavallo, in inverno si affronta un momento buio e triste. Fuori fa freddo, le giornate sono corte e, nel peggiore dei casi, uno strato di neve e ghiaccio ricopre strade e sentieri, dandoci l’impressione che uscire per una passeggiata a cavallo sia difficile e rischioso.

La maggior parte delle persone non prende nemmeno in considerazione la possibilità di godersi delle lunghe passeggiate a cavallo in inverno: “impossibile“, rispondono, e rinunciano alla loro passione in favore di altri sport invernali.

Be’, nulla di più sbagliato: classificare l’equitazione e i trekking a cavallo come un’attività estiva significa perdersi un’esperienza straordinaria, completamente diversa da quella estiva ma altrettanto bella.

 

Il fascino delle passeggiate a cavallo in inverno

Uscire in passeggiata a cavallo durante l’inverno significa scoprire un mondo completamente nuovo.

I suoni della natura tipici dell’estate e della primavera si quietano, regalando un silenzio e una pace ineguagliabili; se si ha la fortuna di uscire in una bella giornata di sole, la luce tenue donerà a tutte le tipiche foto, con le orecchie del cavallo in primo piano, uno speciale effetto filtro; e se si ha la fortuna di incontrare della neve fresca, be’…chi non ha mai provato l’emozione di cavalcarci in mezzo, non sa davvero cosa si perde!

a cavallo sulla neve

L’Italia è davvero il luogo ideale per questo tipo di passeggiate: nelle nostre montagne, anche a quote relativamente basse, si trovano splendidi paesaggi innevati e sentieri perfetti per tutte le stagioni. Nelle Alpi e nelle Dolomiti bisogna affidarsi a qualcuno di esperto che conosca i sentieri, anche per non ritrovarsi faccia a faccia con uno sciatore sulle piste, ma una passeggiata a cavallo in questi luoghi può essere la scusa per scoprire questi paesaggi in modo totalmente nuovo. Si può scoprire il volto equi-friendly di Madonna di Campiglio, per esempio, lasciandosi alle spalle le piste da sci ed esplorando i paesaggi mozzafiato delle Dolomiti del Brenta. Oppure scoprire i paesaggi a quota più bassa del Piemonte e del Veneto a cavallo.

E anche nel resto della penisola, arrampicandosi un poco su per gli Appennini, è possibile trovare esperienze splendide da vivere in inverno. Basta avere qualche accortezza sul vestiario e sulle condizioni del nostro amico a quattro zampe, e sarà un’esperienza straordinaria sia per lui che per te.

paesaggio per horse trek in inverno

Come affrontare le passeggiate a cavallo in inverno

Le regole sono semplici, e se si seguono con attenzione non ci saranno problemi.

Il cavaliere non dovrà fare altro che vestirsi a strati, avendo cura di mettere un bel cappello sotto il cap se le condizioni meteo sono particolarmente proibitive, ricordando che comunque basterà un’andatura un po’ movimentata come il trotto per scaldarsi in pochi minuti.

L’unica grande accortezza è per i piedi: se cavalchi con i classici stivali di gomma o di cuoio sappi che, a contatto con con il metallo delle staffe, si raffredderanno in poco tempo fino a rendere la passeggiata un inferno. Delle doppie calze sono il minimo indispensabile, ma purtroppo non è facile far entrare il piede nello stivale con un calzettone troppo spesso. In alternativa, una buona soluzione è rappresentata dalle solette riscaldanti, che possono essere semplicemente quelle ricoperte di pelo (acquistabili in qualunque negozio di scarpe) o addirittura un prodotto tecnico che rilascia attivamente calore (in questo caso dovrai rivolgerti ad un negozio di attrezzatura da sci o da montagna).

cavalli in paddock in inverno

E per il cavallo? Come si fa ad assicurare un’esperienza sicura e positiva anche per lui? Basta seguire alcune semplici regole:

  • il cavallo di suo non sente freddo, a patto che non gli sia stato tosato il pelo invernale. In tal caso, è opportuno evitare di farlo sudare eccessivamente oppure portare dietro una coperta leggera da mettere e togliere all’occorrenza.
  • se il pelo invernale non è stato toccato, il cavallo non avrà problemi (anzi, è più problematico il caldo per questo animale). Basta evitare di lasciarlo a lungo fermo al freddo dopo che ha sudato, effettuare con attenzione una fase di defaticamento perché non arrivi alla stalla sudato, spazzolare il pelo umido sotto la sella e coprirlo il prima possibile con una coperta. Più il cavallo è abituato a uscire spesso in tutte le condizioni meteo, meno problemi avrà con le passeggiate in inverno.
  • Per le passeggiate su terreni scivolosi e ghiacciati, può essere utile ferrare i cavalli con dei ferri chiodati specifici per l’inverno, ma in generale è possibile utilizzare ferri normali sui sentieri oppure, se abituati, ancora meglio senza ferri, per una maggiore tenuta.
  • Ricordati di portare sempre dietro il nettapiedi, soprattutto se passi in mezzo alla neve: se il tuo cavallo è ferrato tenderanno a formarsi delle palle ghiacciate sotto lo zoccolo che ridurranno tantissimo l’aderenza!
  • Infine, fai molta attenzione alle superfici per verificare che non ci siano lastre di ghiaccio o che, sotto la neve, non ci siano buche.

 

Usa il massimo del buonsenso che possiedi, ovviamente, ma non ti preoccupare troppo: goditi al massimo l’esperienza delle passeggiate a cavallo in inverno!

 

Qual è la tua esperienza con le passeggiate a cavallo in inverno? Se un cavaliere che non si ferma mai, o uno stagionale? Raccontacelo nei commenti!

Ti potrebbe piacere: